“5 consigli per giocare il Sunday Million PKO”

Finalmente torna in scena il Sunday Million, il re dei tornei di PokerStars, con un milione di montepremi garantito a fronte di un buy-in da €250.

Come nelle ultime edizioni, il torneo verrà giocato in modalità Progressive KO, e allora a chi potevamo chiedere consiglio se non a Giada Fang, la nota poker pro che di recente ha curato la versione italiana del libro “PKO Poker Strategy”?

Gentile e disponibile come sempre, Giada condivide con voi cinque consigli per giocare al meglio questa undicesima edizione del Sunday Million. Buona lettura e GL per il 27 marzo!

1) No late reg!

Iniziare il torneo prima possibile. A molti giocatori piace la late reg e anche la possibilità di entrare al day2, ma nei KO questo non è una strategia più EV perché ogni giocatore che si perde corrisponde ad una diminuzione del montepremi. Facendo un esempio: se sono già usciti 1000 giocatori su 4000 iscritti, il montepremi è già sceso da 1 milione a 875.000.

2) Stack rigorosamente in chips

Visualizzare lo stack in chips e non in Big Blinds, specie nella late stage. La possibilità di visualizzare lo stack in BB è molto comoda per fare calcoli veloci sui range, tuttavia nei tornei KO late stage può essere fuorviante. Ad esempio una taglia da 300€ su un giocatore con 10BB può sembrare molto invitante, quando matematicamente non sempre lo è. Infatti se quei 10BB corrispondono a 20 volte lo stack iniziale – mentre 300€ di taglia corrisponde soltanto a 6 taglie base – i range di call non dovrebbero allargarsi più di tanto in funzione della taglia.

3) Alza le size

Usare bene lo stack a bui bassi. Essendo una struttura molto deep, bisogna abolire le solite size di bet post flop tipo 1/3, 1/4, 1/2.. c’è bisogno di molta più protection e si può estrarre tanto valore dai punti forti, quindi consiglio di fare puntate sicuramente più grandi del normale.

4) Cautela con i draw

Non inseguire i progetti troppo costosi nelle fasi iniziali. Ho visto diversi giocatori che per l’ev della taglia iniziale, investono anche fino a metà stack per inseguire progetti neanche nuts (per esempio colori non all’Asso, oppure scale in presenza di progetti anche di colore). Questo è sbagliato sia perché si rischia di reversare male contro progetti più forti, sia perché se non si concretizza il progetto, abbiamo perso una porzione di stack troppo grossa rimanendo per esempio i più corti del tavolo (e quindi perdendo la possibilità di vincere altre taglie).

5) Trova l’equilibrio in bolla

Valutare bene il rischio nella fase bolla. Questa è una fase molto delicata, in cui l’ICM comincia a influenzare le nostre decisioni.. bisogna valutare bene quanto una taglia possa essere più importante della nostra tournament life, e trovare quindi il giusto equilibrio tra taglie e montepremi normale, perché sono due forze che tirano in genere in direzioni opposte.

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.