Alessio Isaia sfiora l’impresa a Cipro, chiude runner up

Poker live on fire per i nostri colori e Alessio Isaia sfiora la grande impresa a Cipro. Nell’evento Open del Luxon Pay Mediterranean Poker Party, il piemontese chiude al secondo posto per 94.000 dollari.

Grande prestazione del “Fabbro” che si ferma solo nel duello finale, al cospetto di un Vadzim Godzdanker in giornata di grazia.

Vediamo nel dettaglio come è andato il tavolo finale.

Isaia e la zampata che cambia il torneo

Il tavolo finale del $1.000 NLH Open, evento#1 del Luxon Pay Mediterranean Poker Party a Cipro, vede Alessio Isaia, uomo di punta nel poker live, ripartire dal quarto posto nel count fra i 9 players in corsa. 5.2 milioni per l’azzurro che nelle prime battute resta quasi in disparte.

Ma è solo un’attesa sorniona che si trasforma nella zampata del campione, quando il “Fabbro” porta a casa il primo double up della giornata, a sei left. A-Q vs 9-9 di Eleftherios Sinnos. Fino al turn tutto lascia presagire che il pot vada dalle parti del cipriota, con Alessio fuori dai giochi.

Il river però strizza l’occhio al giocatore italiano e un Asso grande come una casa lancia al raddoppio il piemontese che cambia letteralmente passo. Nel frattempo gli altri giocatori si scontrano e con Sinnons fuori al sesto posto, escono di scena anche Frederick Anastasiades e Ben Hershkovich, fra quinta e quarta piazza.

Le martellate del fabbro

Alessio Isaia è fra i tre giocatori che si giocheranno le posizioni finali sul podio, in questo scoppiettante evento di poker live. Il player di Roccabruna ha trovato anche un secondo raddoppio con J-10 vs A-3 di Vadzim Godzdanker. Una mano che lo avvicina nel count agli altri due rivali che poco dopo si scontreranno in un cooler.

Alessio “Fabbro” Isaia

Il bielorusso ha A-K e dall’altra parte soccombe l’ex leader Selahaddin Bedir con A-Q. L’azzurro è dunque in heads up e deve compiere la grande rimonta sulla strada che porta al titolo: 12.4 milioni di chips per il Fabbro e 32 milioni di Godzdanker.

Ancora una volta Alessio Isaia dimostra un carattere di ferro e nel giro di poche mani ribalta la situazione, grazie anche al double up con 9-9 vs K-Q. Board che sorride all’azzurro: Isaia comanda con 27 milioni rispetto ai 17 del rivale.

Vadzim non demorde a sua volta e trova un raddoppio quando ha davanti a sé gli spiccioli della merenda, con A-7 vs A-5. Una mano che lascia sempre l’Italiano al comando del count. Il bielorusso trova un secondo 2up e questa volta piazza lui sorpasso nella graduatoria, con 6-6 vs K-6.

E’ il segnale che il vento è cambiato e alla prima mano dopo la pausa, Alessio finisce in allin con A-J vs K-9 dell’avversario. Subito king al flop e nonostante il progetto di colore per il “Fabbro”, la mano sorride a Vadzim Godzdanker che si laurea campione per 150.000 dollari.

L’azzurro è runner up e si consola con 94 mila bigliettoni, confermando di essere un top player di caratura mondiale, nel poker live.

Il payout

1 Vadzim Godzdanker $150,000
2 Alessio $94,000
3 Selahaddin Bedir $63,000
4 Ben Hershkovich $46,000
5 Frederick Anastasiades $35,000
6 Eleftherios Sinnos $28,000
7 Timur Margolin $23,000
8 Raoul Iancovici $18,000
9 Iosebi Laperashvil $14,000

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.