Bryn Kenney e un interessante bluff inducing su Garrett Adelstein

Il ritorno del giocatore più vincente nella storia dei tornei live al cash game televisivo più famoso? Si può dire un successo. Dopo la comparsata nella stagione 8, l’esordio di Bryn Kenney nella season 9 del format High Stakes Poker è avvenuto nel corso della settima puntata, andata in onda a inizio settimana su PokerGO. Nell’episodio Kenney ha dato vita ad alcune situazioni molto interessanti. Ci occupiamo oggi proprio di una di queste, avvenuta proprio all’ultima mano dell’episodio.

Bryn Kenney vs Garrett Adelstein: finale scoppiettante su HSP

Come sempre si gioca con stakes 200$/400$ con i vari straddle facoltativi. Rispetto alle altre puntate, però, in questo caso il buy-in minimo richiesto al tavolo sale a 250.000$. E il field non è proprio di quelli morbidi, visto che vediamo seduti tutti insieme Phil Ivey, Tom Dwan, Daniel Negreanu, Garrett Adelstein e Bryn Kenney, al suo esordio nel format con un cast completato dal solito Jean-Robert Bellande, Jennifer Tilly e Krish Menon.

Inducing bluff: Bryn lo fa bene

Bellande apre a 2.500$ con 3 3 da middle position, con circa 77mila $ dietro. Bryn Kenney ha uno stack di 292k$ e chiama da cutoff con q 4 . Giocano anche Jennifer Tilly da small blind con a 8 (e 211k$ dietro) e Garrett Adelstein da big blind, che si adegua con 5 6 e 585k$ di stack.

Con un pot già da 11.000$ si arriva così al flop q 2 5 . Checkano i blinds, JRB punta 6.000$, chiamato da Kenney e Adelstein, mentre Tilly folda.

Pot da 29.000$ e turn 4 , sul quale Adelstein fa check, JRB segue a ruota e così fa anche Bryn Kenney, nonostante abbia appena centrato la sua doppia coppia.

Si va così al river che è un 10. Adelstein cambia marcia e punta 40.000$, dunque una corposa overbet. Bellande butta via le sue carte, mentre Kenney chiama abbastanza velocemente, incassando così un piatto da 109mila dollari.

“Checki dietro su quel turn? Come diavolo ti è venuto in mente?”, chiede sorpreso Bellande. “Così fa bluffare l’altro”, risponde Negreanu. E in effetti la mossa di Kenney risulta parecchio efficace, visto che induce Adelstein ad un bluff che, ipotizziamo, difficilmente avrebbe tentato in caso di bet di Bryn sul turn.

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.