“dal Calcio Balilla a grinder degli Spin & Go”

Abbiamo contattato Carmine “dipalmalt” di Palma dopo che i capoccia di Poker Magia ce lo hanno segnalato per le sue continue scorribande sui tavoli Spin & Go di PokerStars, dove sta ottenendo risultati piuttosto interessanti.

Carmine è uno della vecchia guardia, visto che ha cominciato a muovere i primi passi nel poker qualcosa come 13 anni fa, nel 2009.

Ci ha risposto immediatamente e ne è venuta fuori una chiacchierata molto amichevole.

Buona lettura.

L’intervista con Carmine dipalmalt di Palma

Cominciamo con la nostra canonica domanda a piacere. Ti va di parlare un po’ di te ai lettori di Assopoker? 

Ciao Andrea grazie per l’invito, mi chiamo Carmine ho 33 anni e sono di Ariano Irpino (Av). Do una mano alla mia famiglia che ha un’attività commerciale, convivo da 2 anni con la mia ragazza e tra gli
hobby preferiti cito il Calcio Balilla nel quale, da un semplice divertimento con un gruppo di ragazzi e grazie alla Federazione LICB, abbiamo ottenuto qualche risultato arrivando a confrontarci con i giocatori più forti Italiani, molti presenti proprio in Campania. 

2. La Campania, e Avellino in particolare, ha sempre prodotto giocatori di Hold’Em piuttosto forti, ne hai conosciuto qualcuno?

“La Campania sforna talenti come il pane e frequentando assiduamente circoli sportivi ne ho conosciuti davvero parecchi!
Anzi molti sono venuti nel nostro paese avendo un circolo anche noi e dove io ho spesso collaborato!
Fino a qualche anno fà veniva a trovarci un “certo” Antonio Bernaudo, nel mio paese c’è stato un Supernova Elite di Pokerstars, l’amico “Discepolo78″ e nelle varie Poker Room della Campania potrei citarne parecchi di player con cui ho avuto l’onore di giocare come Fabrizio D’agostino, Umberto Calabrese, Fabrizio Rossi, Daniele De Feo”.

3. Quando hai cominciato a scoprire il poker e in che modo lo hai trovato?

“Ho conosciuto il poker nel 2009, andavo nelle agenzie scommesse per una schedina e vedevo gente che imprecava, spaccava mouse e tastiere davanti un monitor, mi dicevo: ma quanto so “scemi” questi a dannarsi l’anima davanti un gioco virtuale…
Ovviamente poi, sopraffatto dalla curiosità, leggo qualche regola, provo qualche partita e da fortunato principiante vinco subito! Diventa amore a prima vista con l’idea sbagliata che avrei vinto soldi facili, così tra la cerchia degli “scemi” entro pure io!”

Carmine dipalmalt di Palma: un incontro particolare

4. So che il tuo main game sono gli Spin & Go. Ma se hai iniziato così presto hai certamente iniziato da altre specialità.

“Come dicevo prima nasce tutto per curiosità. Inizio a leggermi articoli, forum e, avendo frequentato molti circoli, chiedevo qualsiasi cosa e si può ben capire che gli Mtt mi sono piaciuti fin da subito, danno emozioni gioie e dolori, ma è l’adrenalina che li contraddistingue è impareggiabile! Quindi ho giocato per almeno 6 anni Mtt live e online senza grossi risultati.
Tirando le somme,  quel che ho vinto è troppo poco per dire che ero un regular!”

5. L’incontro con Pokermagia: è iniziato tutto per caso, oppure eri alla ricerca di una mano di aiuto per il tuo gioco?

“L’incontro con Pokermagia avviene per caso e in un momento bruttino nella mia vita, dove non giocavo da almeno un anno e mezzo e dove mi ero reso conto che da autodidatta non ero in grado di andare oltre. Non avevo bankroll e soprattutto non sapevo a chi chiedere anche perché la tariffa oraria che prendevano i top reg non potevo permettermela! Leggo metà aprile 2017 un post facebook di Pokermagia dove offrono lavoro assicurato, a rischio zero, supporto etc. Insomma credevo si trattasse uno dei tanti post per attirare il pollo in qualche investimento o network marketing!
Contatto con tanto scetticismo e senza aspettative e dopo tante chiacchierate a vuoto tento pure questa!
Mi risponde Alessandra e il resto è una bellissima storia che non immaginavo e che racconterò con piacere”.

6. Come è andata fin qui? Ci vuoi raccontare il tuo percorso con loro?

“Il mio percorso è stato duro fin da subito anche perchè mi son ritrovato a giocare spin anzichè mtt.
Era l’ultima occasione che avevo per giocare a poker in maniera piu professionale! Ho fatto fatica perfino a battere i micro limiti, ringrazierò sempre la mitica Alessandra LadyRaise che ha sempre creduto in me! Superata l’Academy ad inizio gennaio 2018, batto facilmente i 5 grazie al simpatico DarkCrisio e Kondom91, poi rimango impallato ai 10 per 2 anni per vari problemi!

Galeotta fu la pandemia

Mi rimetto in discussione a marzo 2020 durante la prima pandemia capendo il vero valore della scuola, dell’opportunità che ci dà e del potenziale che offre questo gioco!

L’unico “talento” che mi riconosco è stato il mindset e seguire piu lezioni possibili, ma a livello pratico ho faticato tanto! Ai 10 mi hanno dato una grossa mano PierFrancesco Martini ed Eros Zappacosta, ma chi mi ha dato una scossa nell’approccio al gioco è stato Gennaro Impe, è un leone, mi ha trasmesso grinta e determinazione oltre che  aiutarmi a battere il livello e tutt’ora è mio coach di rifermento! Ai €25, a livello strategico, mi ha aiutato anche Luca Litos e infine chi ha spostato la mia mentalità in game, ad uscire fuori dagli standard è stato Rino di Coste!”

dipalmalt
dipalmalt

7. Quali sono i tuoi livelli di gioco in questo momento?

“Gioco da un anno e mezzo stabilmente i €25 di Pokerstars col nick “dipalmalt” e da questo mese mi è stata data possibilità di aprire anche i €50 e devo dire che sono iniziati bene! Qui colgo occasione per un saluto e un grazie a Fabrizio Carella, mi ha comunicato lui in persona questa decisione, è stato sempre molto severo e diretto, mi ha fatto fare sempre dei level up con tanto di precauzioni e tutela e anche dei level down che ammetto meritavo. Alla fine le sue parole “dure” mi hanno dato le motivazioni giuste e trovare quella costanza che mi mancava!”

Il futuro di dipalmalt

8. Quale tipo di futuro si prospetta per un giocatore come te? Hai intenzione di giocare per tanto tempo ancora? Pensi di voler diventare un giocatore che si avvicina al professionismo? Oppure continuerai col tuo lavoro?

“Il futuro lo vedo ancora come giocatore, anzi sono tornato anche nel circuito live e anche in campo internazionale grazie al Team Italiacash che colgo l’occasione di salutare!

Un giorno mi piacerebbe anche diventare coach e trasmettere il mio percorso, per ora mi affido e rimango volentieri con Pokermagia, per me è come una famiglia, ho legato con tante persone e il futuro lo vedo ancora qui. Anche perche ho ancora da migliorare tanto e da solo non riuscirei.

Infine saluto la mia ragazza che ringrazio per il supporto e condivide quello che faccio visto che nella vita reale purtroppo pochi scommetterebbero su di me compresa la mia famiglia! Un grazie a Pokermagia, che ti coccola, ti migliora prima come persona e poi come giocatore!
E’ un’esperienza che io consiglio a chi mi chiede, per quanto riguarda mindset, bankroll e studi c’è già la scuola poi ovviamente tocca a noi.

Quello che sposta per raggiungere qualsiasi traguardo è: non sentirsi mai arrivati e mettersi sempre in discussione soprattutto quando le cose vanno male!”

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.