“Field da sogno durante le WSOP”

Qualche giorno fa abbiamo parlato con Luca Beretta, in un periodo decisamente caldo della sua carriera pokeristica, culminato con il secondo posto al CNP888 di Madrid.

Allo stesso tavolo finale c’era un altro grande protagonista del poker azzurro, Gianluca Escobar, che si è rivelato essere altrettanto in forma nella penisola iberica ottenendo due ottimi risultati a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro.

Oltre al quinto posto al già citato Circuito Nacional de Poker da €13.300, Gianluca un paio di settimane prima è riuscito a ottenere un terzo posto da €21.000 in un field da 120 entries alla €1.650 Barcelona Cup durante le PartyPoker Millions.

Abbiamo contattato Gianluca per farci raccontare la sua esperienza e in generale gli ultimi tempi della sua carriera da poker player.

I successi di Escobar in Spagna

Ciao Gianluca, complimenti per i risultati! Raccontaci un po’ questi tornei

“In Spagna ovviamente tutto molto bene, sia a Barcellona che a Madrid, avendo giocato in totale 3 tornei ed essendo di fatto arrivato in due tornei al Final Table: 3° a Barcelona (21K) e 5° a Madrid (13.3K).

Il field molto bello ovviamente, molti player forti sono alle WSOP di Las Vegas ora, e di sicuro aiutava sotto questo aspetto.

Mani particolarmente belle non ne ho da raccontare, ho giocato tutti gli spot con attenzione e cercando di sfruttare la struttura davvero pazzesca (a Madrid) ed il field con il quale si aveva a che fare.”

Hai fatto tutta una tirata in Spagna? Come mai hai deciso di andare a giocare lì?

“Ni, erano a distanza di una settimana, sono tornato a Napoli ed in un primo momento non era in programma Madrid. Poi avendo famiglia lì e vedendo che c’era questo Main Event del CNP 888Poker, mi sono detto ‘Vabbè unisco le due cose e gioco questo Main Event CNP’.”

E come mai niente World Series? Quali sono i tuoi prossimi obiettivi live?

“Non sarò alle WSOP 2022, PURTROPPO, per una questione legata al vaccino. Io ho avuto il Covid due volte ed avendo poi fatto una dose di vaccino Pfizer, ero “coperto” completamente in Italia.

Adesso che stavo organizzando la partenza per Las Vegas intorno al 20 giugno, purtroppo le autorità mi hanno detto che devi essere “fully vaccinated” per entrare negli USA, e per questo requisito non basta una dose più positività al Covid.

Quindi, essendo anche scaduta l’unica dose fatta a novembre 2021, avrei dovuto fare entrambe le dosi e dopo 14 giorni dalla seconda potevo partire per gli USA.

Ovviamente non riuscivo in tempo per giocare, anche solo il Main Event, e quindi SUPER A MALINCUORE, non sarò alle WSOP 2022.

Lo schedule per l’estate 2022 diciamo che posso dartelo con ufficialità, sarò allo UKIPT di Nottingham, dal 28 luglio al 05 agosto più o meno. Giocherò il Main Event da 1.100£ , High Roller da 2.200£ ed un 6-Max da 1.100£. Poi Barcelona per l’EPT e subito dopo Cipro per il Luxon Pay Mediterranean Party.”

Cosa ne pensi, per assurdo, in periodi dove i migliori sono a Las Vegas non può essere addirittura più conveniente restare in Europa per i field bassi? O l’obiettivo braccialetto è troppo importante?

“Per assurdo, o meglio se uno non vuole affrontare un mese negli USA, anche per Bankroll consiglio tantissimo di girare i circuiti europei nel periodo WSOP, e non necessariamente low buy in. Anche i 1K, 2K, 3K avevano un Field non del livello che si trova in altri periodi dell’anno.

Però, per come vivo e vedo io il poker, per chi come me è andato a Las Vegas nel 2012 la prima volta a giocare le WSOP, e ha respirato per più anni l’aria di cosa vuol dire giocare quegli eventi per il braccialetto e l’atmosfera che si respira alle World Series of Poker, ti dico che è troppo più importante per la carriera di un poker player essere su quei “palcoscenici” a sognare e dare tutto per quel braccialetto.

È una cosa che ti resterà sempre ed è troppo più importante, nei mesi di giugno e luglio (per chi può ed ha la possibilità di farlo), giocare le WSOP.

Però ripeto chi non ha Bankroll per affrontare una trasferta di quel tipo e vuole giocare tornei live in Europa a giugno e luglio, lo consiglio molto.”

E invece per quanto riguarda l’online?

“Sto giocando poco online diciamo. Ho vissuto a Malta per tre anni e diciamo che dopo anni sul .com giocare solo .it dall’Italia online non ho giocato tanto.

Adesso sto risistemando un po’ le cose, speriamo che questo periodo sia definitivamente alle spalle. Da dopo la pandemia sono tornato in Italia e proprio in questi giorni sto sistemando la residenza in Slovenia per tornare sul punto com.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.