fine Main per tutti gli italiani. Petroni e Speranza i migliori

Petroni e Speranza si arrendono per ultimi. Ci eravamo lasciati con il report di ieri mattina, che ci aveva lasciato in dote un totale di 5 nostri connazionali ancora in corsa per provare a portare a casa la vittoria più prestigiosa dell’anno pokeristico 2022.

Bene, anzi male, nella notte appena trascorsa nessuno di loro è riuscito a mettere dentro la busta almeno una chip che avrebbe permesso di partecipare al Day 6 di domani.

Ecco la cronaca di una frenetica giornata statunitense.

Main Event WSOP Day 5 out a fine Day Petroni

Sono stati 380 i giocatori tornati ai loro posti di combattimento per disputare il Day 5 dell’Evento #70, il $10.000 Main Event No-Limit Hold’em World Championship con un sacco di nomi familiari ancora dentro, alla caccia del braccialetto. L’azione è ripresa alle 12:00 ora locale all’interno del Bally’s Event Center.

A fare da battistrada dopo una corsa spettacolare alla fine del Day 4 c’era Taylor von Kriegenbergh (5.305.000) che negli ultimi tempi sta iniziando a farsi conoscere nel micro mondo del poker. Nonostante il suo unico cash a sette cifre sia avvenuto nel lontano 2011, von Kriegenbergh è tornato di recente a giocare dal vivo, dilettandosi soprattutto negli high rollers. Per anni, il poker pro americano ha giocato esclusivamente online, centrando un 23° posto al Main Event Domestic delle WSOP 2020.

Cominciamo subito col dire che il Day 5 non è esattamente stata la giornata del chipleader di inizio serata, visto che lo statunitense è stato bustato al 137° posto per un premio di $62,500.

I numeri della notte

Sono in tutto 123 i giocatori ancora in ballo alla fine della giornata, che si è conclusa quando in Italia correvano le 11,00 del mattino circa.

Tra i giocatori più conosciuti rimasti in sella al Main Event, c’è il PokerStars Ambassador Alejandro Lococo, giocatore argentino che ha chiuso con uno stack di circa 10 milioni, qualcosa come ben oltre 100 Big Blind da investire al Day 6 di questa notte.

Il chipleader risponde al nome di James Hobbs, che ha messo dentro la busta 12,5 milioni in pezzi di plastica.

Questi i players più hot della notte:

1 James Hobbs 12,505,000
2 Efthymia Litsou 11,675,000
3 Aaron Mermelstein 10,680,000
4 Alejandro Lococo 10,020,000
5 Gerald Morrell 9,775,000
6 Dingxiang Ong 9,500,000
7 Jorge Hou. 9,500.000
8 Philippe Souki 9,425,000
9 Robert Minor 8,775,000
10 Imran Bhjani 8,635,000

Notables

Oltre a Lococo, tra i giocatori più conosciuti che passano il quinto taglio del torneo, ci sono due campioni del mondo, il detentore del titolo, Koray Aldemir, che ha concluso la sua giornata con 3,8 milioni e Damian Salas, il vincitore del 2020, che si ripresenterà al Day 6 con 2,435,000 in chips.

Passano al Day 6 anche alcuni vincitori dei braccialetti, come Espen JorstadAndrew Yeh e Dan Smith. Quest’ultimo ha giocato da short stack tutta la giornata, riuscendo poi a raddoppiare in chiusura e portarsi a 20x.

Altri players conosciuti, rispondono al nome di Shelby Wells (1,900,000) e Efthymia Litsou (11,675,000), Timur Margolin (1,095,000), Andrew Yeh (5,830,000) e lo specialista delle varianti, Marco Johnson (2,820,000).

Senza azzurri. Fuori anche Petroni

Questo il piazzamento degli ultimi italiani che si sono arresi al Day 5:

  • 143 Giovanni Petroni $62.500
  • 268 Gianluca Speranza $46.800
  • 342 Marco D’Amico $40.900
  • 359 Sergio Benso $36.000
  • 365 Max Pescatori $36.000

Petroni ha mandato i suoi ultimi bui con a 4 , chiamato da Vadim Rozin sul bottone, che si presentava con un Kappa e una Donna, trovando top pair sul board 4 10 k 8 j .

Super cooler, invece, per Marco D’Amico, che doveva abbandonare la scena quando tutte le sue chips andavano nel mezzo con AKo, contro gli assi di un avversario.

Out a inizio giornata Sergio Benso, che si è dovuto arrendere durante il primo livello. Efthymia Litsou, che a fine giornata risulterà tra i qualificati, apre a 50.000 a T25.000 da MP, Benso difende da BB con 9 4 . Sul flop 7 5 4 , l’italiano donka a 40.000, Litsou chiama, poco prima che un 3 caschi sul turn.

Benso pusha 400.000 e trova lo snap call del suo avversario con Nuts, a 6 . Un 9 al river chiude i giochi per l’americano.

Si chiude così con largo anticipo l’avventura dei nostri al Main Event delle World Series Of Poker.

Homepage: Sergio Benso courtesy Rachel Kay Miller & Pokernews

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.