Perkins re delle aste, suo lo “Shugar Shack” per una cifra pazzesca

Bill Perkins ha scritto un libro intitolato “Die with Zero”, e l’energy trader, nonché giocatore di poker high stakes potrebbero essere in grado di fare proprio questo se continua ad acquistare opere d’arte.

La scorsa settimana, Perkins ha fatto colpo nella comunità artistica quando ha acquistato “The Sugar Shack”, un dipinto del 1976 dell’ex giocatore di football professionista e artista Ernie Barnes. Perkins ha pagato 15,3 milioni di dollari per il famoso dipinto, che, secondo il banditore, è più di 27 volte il record precedente stabilito dall’artista afroamericano.

“Bei tempi!!!!” ha twittato dopo aver assicurato il dipinto per otto cifre.

Perkins: Superare gli altri offerenti

Il grande acquisto di Perkins all’asta di Christie’s a New York dello scorso 12 maggio, che è stato uno dei rari momenti di azione nel mondo normalmente banale e noioso delle aste d’arte, ha attirato l’attenzione di una serie di importanti punti vendita, tra cui il New York Times, USA Today e Vaniety Fair, quest’ultimo ha descritto la sequenza degli eventi che hanno portato all’acquisto.

The Sugar Shack, l'opera acquisita da Perkins
The Sugar Shack, l’opera acquisita da Perkins

Perkins, un frequentatore abituale dei circoli di poker, noto soprattutto per le sue apparizioni su High Stakes Poker, è stato uno dei 22 partecipanti all’asta e ha iniziato offrendo $ 500.000 per il dipinto, che mostra un gruppo di ballerini alla Durham Armory nel 1952, un famosa sala da ballo nell’allora segregata Carolina del Nord.

Un consulente artistico di Los Angeles di nome Dane Jensen, ha poi alzato l’offerta mentre parlava al telefono con il suo cliente, che si ipotizza fosse Mellody Hobson, la moglie di George Lucas, secondo Vanity Fair. Perkins, che come giocatore di poker ha una vasta esperienza nel rilanciare, ha poi alzato l’offerta a $2 milioni.

La guerra di offerte è continuata e ha caratterizzato un momento teso tra Perkins e Jensen.

“Non mi fermerò”. “Allora paga”

Non mi fermerò“, ha detto Jensen a Perkins, come riportato da Vanity Fair.

Beh, allora te lo faccio pagare!” Perkins ha risposto.

Detto questo e fatto, Perkins ha fatto l’offerta finale di $ 15,3 milioni per assicurarsi il dipinto per più di 80 volte rispetto al costo che si prevedeva in partenza.

Mentre 15,3 milioni di dollari possono sembrare una somma enorme per un’opera d’arte di questo tipo, Perkins compra il suo sontuoso acquisto e sostiene persino di aver fatto un buon affare.

È un tesoro culturale“, ha detto il buon Bill durante una recente apparizione all’Artelligence Podcast. “E ho sentito che era un tesoro culturale, ma dopo aver comprato il pezzo, il numero di persone che mi hanno contattato è stato incredibile… Neri, bianchi, un certo numero di americani che dicono ‘Amo quel dipinto, mi ricorda di questo’… si è consolidato nella mia mente che è un tesoro culturale“.

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.