Sammartino anima il ST Bounty, poi si tuffa nel PLO8

Dario Sammartino, Gennaro Proscia e Fausto Tantillo animano l’evento Super Turbo Bounty delle WSOP 2022, uscendo tuttavia dopo lo scoppio della bolla. Poi il campione napoletano si siede subito al PLO8 Championship in cui chiude ottimamente il day 1, insieme a un Daniel Negreanu che cerca di risollevare le sue sorti. James Woods lotta ancora nel Super Seniors, mentre è partito il Ladies.

WSOP 2022, Apestyles e Lendvai tra i 7 rimasti nel Deepstack Championship

A 40 anni suonati, dopo una carriera leggendaria negli MTT online, Jon “Apestyles” Van Fleet è al suo primo final table WSOP in carriera. Il pro e autore di libri newyorkese è secondo dei 7 rimasti, tra cui c’è una vecchia conoscenza del poker italiano: Tamas Lendvai, ex fotografo dei circuiti EPT e IPT poi diventato poker pro. Questo il chipcount:

1 Alex Jim Brooklyn, NY, US 36,300,000
2 Jon Van Fleet AUSTIN, TX, US 32,800,000
3 Tsuf Saltsberg GB 27,200,000
4 Abdullah Alshanti Miami, FL, US 19,800,000
5 Frank Reichel Kendall, NY, US 13,000,000
6 Daniel Marcus Memphis, TN, US 10,600,000
7 Tamas Lendvai FOT, , HU 7,800,000

Super Seniors Championship: Woods resiste, Boatman in top 10

Si chiude anche il day 2, all’evento riservato a giocatori e giocatrici con almeno 60 anni compiuti. Restano solo in 87 a contendersi il braccialetto, e tra questi c’è ancora l’attore James Woods. Il popolare “Max” di “C’era una volta in America” è short a 255mila chips, che gli valgono la 75esima posizione, ma non molla.

Sicuramente meglio di lui se la passa Barny Boatman, autore di un day 2 fenomenale che lo ha portato in top 10 provvisoria:

1 Robert Schuler Denver, CO, US 2,100,000
2 Massoud Eskandari MISSION VIEJO, CA, US 1,860,000
3 Alfred Ahlm LINCOLN, CA, US 1,780,000
4 Carolyn Niekerk Chandler, AZ, US 1,463,000
5 Leo Mitchell Sterling Hts, MI, US 1,370,000
6 Barny Boatman HENDON, GB 1,165,000
7 Greg Henry CHOCTAW, OK, US 1,125,000
8 Ronald Peterson ORLANDO, FL, US 1,125,000
9 Elizabeth Bennett-Martin Toronto, ON, CA 1,080,000
10 Jarvis Postnikoff Waterloo, , CA 1,025,000

WSOP 2022, Short Deck Championship: restano in 5, Chidwick e rast in lizza

Restano solo in 5, i candidati al trono che era stato di Chance Kornuth. L’event #60, 10.000$ Short Deck Championship, ha nel giapponese Nakanishi il netto chipleader, ma anche il giocatore meno noto tra quelli rimasti:

1 Shota Nakanishi 2,562,000
2 Stephen Chidwick 1,423,000
3 Ben Lamb 1,207,000
4 Brian Rast 855,000
5 Sean Winter 553,000

WSOP 2022: partito il Ladies!

1074 entries per il Ladies Championship delle WSOP 2022. In 274 hanno superato il taglio e non si ha, per il momento, notizia di eventuali colleghi maschi che abbiano accettato di pagare il buy-in maggiorato (10.000$ contro 1.000$). Diversi i volti noti in lizza, da Xuan Liu a Melanie Weisner, da Natalie Hof a Maria Konnikova.

Super Turbo Bounty: Proscia, Tantillo e Sammartino “animatori”

Veloce come da copione è andato via l’event #62 delle WSOP 2022, il 1.500$ Super Turbo Bounty. Dei 2569 originari rimangono soltanto in 20, tra cui il nome più conosciuto è quello del regular rumeno Mihai Manole. Diversi i nostri che si sono messi in evidenza, tra cui Fausto Tantillo che ha fatto scoppiare la bolla, ma anche Gennaro Proscia che è stato il migliore dei nostri:

44° Gennaro Proscia 7.557$
66° Fausto Tantillo 4.490$
166° Dario Sammartino 2.291$
347° Luigi Shehadeh 1.502$

Dario Sammartino non poteva accontentarsi di chiudere la serata così…

WSOP 2022, PLO Hi/Lo Championship: Sammartino partenza sprint, Negreanu bene

L’event #63 era l’ultimo a partire la notte scorsa, a Las Vegas. Si tratta del Championship di Pot Limit Omaha Hi/Lo da 10.000$ di buy-in, come si conviene a ogni torneo denominato “championship”. Il field di 268 iscritti è da considerarsi già un record per la specialità, a questi livelli di buy-in, ma i numeri sono ancora ufficiosi: le iscrizioni si chiuderanno infatti solo allo start del day 2.

Durante le WSOP i giocatori diventano “iperattivi”, pertanto non sorprende che Dario Sammartino, appena uscito dal Super Turbo Bounty, si sia subito fiondato al Paris dove era già partito questo torneo. La late registration non è stata un problema per lui, che in pochi livelli è riuscito a trasformare i 60.000 gettoni di partenza nei 153.500 che gli valgono la quarantaduesima posizione parziale, su 124 al momento qualificati per il day 2. Ancora meglio di lui Daniel Negreanu, alla ostinata caccia di un riscatto in una edizione davvero avara di soddisfazioni per lui. Per il campione canadese 23° posto a 191mila. Questa la top 10 di fine day 1:

1 Ryan Hughes Phoenix, AZ, US 407,000
2 Andrew Brown New York, NY, US 380,000
3 Sterling Savill DOVER, FL, US 342,000
4 Chino Rheem LOS ANGELES, CA, US 331,500
5 Filippos Stavrakis FOREST HILL, MD, US 303,000
6 Michael Sortino OMAHA, NE, US 289,500
7 Chance Kornuth Las Vegas, NV, US 273,500
8 Kyle Cartwright BARTLETT, TN, US 269,500
9 Damjan Radanov MEMPHIS, TN, US 257,500
10 Amnon Filippi NEW YORK, NY, US 247,500

Event #58: prima gioia per Brandt!

Mentre al Paris partiva il championship di Pot Limit Omaha 8-handed, al Bally’s si concludeva il “fratello minore”, dal buy-in di 1.500$. Al termine di un tavolo finale dominato dai player statunitensi esulta Lawrence Brandt, che mette al polso il suo primo braccialetto in carriera. Niente da fare per Jared Jaffee, il più quotato tra i finalisti ma soltanto quinto:

1° Lawrence Brandt United States $289,610
2° Corey Wade United States $179,010
3° Robert Tanita United States $129,924
4° Richard Crooks United States $95,400
5° Jared Jaffee United States $70,877
6° Jacob Ferro United States $53,288
7° Peter Neff United States $40,550
8° Jerry Odeen Sweden $31,234

Immagine di copertina: Dario Sammartino (courtesy PokerNews & Katerina Lukina)

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.