Sei in tilt e hai molte chips? Rallenta. Non le recupererai facendo il matto

La potenza del tilt. Nei Days 2, 3 e 4 del PokerStars Caribbean Adventure Main Event 2016, un brasiliano di nome Leonardo Pires si è presentato da chip leader, con un vantaggio che diventava ogni giorno più grande. All’inizio del Day 5 con solo 19 giocatori rimasti, Pires deteneva 4.566 milioni, quasi il doppio del suo avversario più prossimo.

In seguito a questo numero di chips, Pires era il favorito per conquistare il primo premio da $833.260 e assicurarsi un posto nella storia recente del poker. Tuttavia, dato il livello della competizione – che includeva i professionisti di fama internazionale come Mike Watson, Vladimir Troyanovskiy e Matt Waxman, solo per citarne alcuni – e lo stile di gioco non convenzionale del brasiliano in tilt, non sono stati molti a dargli molte possibilità.

Il tilt che porta a “bustare”

Sfortunatamente per lui, questa impressione è risultata corretta quando ha cominciato a perdere buona parte dei suoi averi fin dall’inizio del Day 5, per poi chiudere addirittura al 13° posto per $45,860. Ci sono volute solo quattro ore per passare da massive chip leader ad essere eliminato, ma in realtà la sua eliminazione è avvenuta nel corso di un solo livello.

Pires ha effettivamente iniziato bene quando ha giocato i re alla perfezione e ha convinto il poker pro Fabian Ortiz a mettere le sue ultime chips da sotto per finire 17°. Ma poi le cose sono cambiate rapidamente per Pires.

Nel Livello 24 (12,000/24,000/3,000), un flop 2 4 6 , ha visto Pires puntare 214,000 su un pot di 224.000. Watson ha chiamato da Hijack, altri due giocatori hanno foldato ed è partita un’azione heads-up al turn, un 3 .

Pires, ormai in preda al tilt, ha puntato 500,000, Watson ha chiamato ancora una volta prima che il j completasse il board al river. Pires è andato all in palesemente in tilt e Watson ci ha pensato un pochino prima di chiamare per 1.01 milioni.

“Sei”, ha detto Pires con sicurezza mentre girava k 6 . Watson ha poi mostrato la mano migliore con 7 7 . Pires ha preso un colpo brutto, ma aveva ancora 5,49 milioni ed è rimasto in vantaggio su tutti.

Nel Livello 25 (15,000/30,000/4,000), Pires ha perso la chip lead per la prima volta da giorni quando ha rilanciato a 100,000 da early position e Troyanovskiy ha chiamato dal cutoff. Il flop 10 5 k ha visto Troyanovskiy callare una puntata di 150,000 da Pires, e poi entrambi i giocatori hanno fatto check sul j del turn.

Quando il q ha completato il board al river, Pires ha puntato 350,000 ma ha snap-foldato quando Troyanovskiy ha rilanciato a 750,000. Con questa mano, Pires, a causa del suo tilt,  è sceso a 3,817 milioni, il che significa che il nuovo chip leader era Watson con 4,16 milioni.

La mano decisiva nel tilt di Pires

Pires ha quindi perso un grosso piatto contro Ken Demlakian,  per poi overplayare una coppia di 10, una mano che lo ha lasciato in braghe di tela prima del break.

“Qualcuno sente l’odore di un tracollo?” Matt Broughton ha chiesto durante lo streaming live dell’EPT. Tutti si chiedevano se Pires sarebbe stato in grado di recuperare dopo la pausa, ma non ha fatto aspettare molto il pubblico per scoprire la risposta.

Nella prima mano dal rientro dopo il break, Watson ha rilanciato a 90,000 da hijack e Demlakian ha chiamato dal cutoff. Quando l’azione ha raggiunto Pires da big blind, egli è andato all in per 1.65 milioni. Watson è andato all a sua volta e Demlakian si è tolto di mezzo.

Watson: 10 10
Pires: 4 3

Pires aveva quindi deciso di andare all-in con una mano debole, ma il flop gli ha dato qualche speranza, q 3 k . Sfortunatamente per lui, il 10 al turn ha deciso la mano con il set di Watson.

Un plenosatico 6 è sceso sul river e il tracollo di Pires è stato completo. Coloro che stavano guardando sono esplosi increduli che un giocatore potesse scendere agli inferi così rapidamente con così tanti soldi in gioco.

Per me ci sono due lezioni da imparare da Pires.

Quando sei di fronte a un dilettante, aspetta il momento giusto

I poker pro al tavolo stavano praticamente sbavando quando Pires è entrato in tilt, ha iniziato a perdere chips e stavano cercando ogni opportunità per scontrarsi con il brasiliano, che era chiaramente tiltato e giocava troppe mani. Ciò significava che se avessero hittato almeno una parte del flop contro di lui, avrebbero probabilmente vinto delle chips.

Prendi l’ultima mano, per esempio. Watson ha trovato i dieci e ha rilanciato standard. Demlakian ha chiamato, e poi Pires è esploso andando all in. Ovviamente avrebbe potuto tenere una buona mano, ma la sua storia nel torneo ha suggerito il contrario. Watson lo sapeva, ed è per questo che era disposto a giocarsi tutto con i 10. Fortunatamente per lui, non si è concretizzato nessun brutto colpo e ha ottenuto la chip lead.

Giocatori come Pires sono wild card e può essere difficile affrontarli. Alcuni giocatori semplicemente non sono disposti a scontrarsi con un giocatore pazzo, ma se speri di vincere in un torneo di poker, è meglio che tu sia disposto a trarne vantaggio quando questi rari giocatori si presentano al tavolo.

Se sei un dilettante inesperto, gioca tight

Nonostante abbia perso tutti i piatti che ha fatto, a parte quello decisivo appena descritto, Pires aveva ancora un sacco di chips con cui giocare. Non aveva bisogno di spingere con quattro-tre, ma a quel punto aveva chiaramente perso il controllo. Se avesse solo tenuto sotto controllo le sue emozioni e si fosse chiuso, probabilmente avrebbe rafforzato la sua struttura dei pagamenti. Potrebbe addirittura aver potuto passare una buona run di carte per rimettersi in lizza. Invece, ha buttato via una grande opportunità, che era trovarsi in un grande torneo di poker con dei soldi che cambiano la vita.

È difficile farcela quando passi da chip leader a short stack, ma se speri mai di recuperare, fidati di me quando dico che devi chiuderti. Giocare in modo sciolto e veloce non ti farà riguadagnare quelle fiches. Se ne sono andati. Non puoi cambiare il passato. Renditi conto, accettalo e torna a giocare al miglior poker che puoi.

Pires non l’ha fatto, e ora il mondo del poker lo ricorderà come il ragazzo che è esploso in profondità nel Main Event della PCA 2016.

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.