si parte con Ale Matti in testa

casino-di-sanremo

Il Casinò di Sanremo torna ad ospitare un evento di poker dal grande respiro internazionale. Oltre alla festa dei lavoratori, il 1 maggio ha celebrato anche il day 1A dell’IPO Sanremo, nuova edizione dello storico e fortunato format di poker live che attira sempre grandi numeri.

IPO Sanremo: via alle danze in Riviera

Chi è abituato a seguire le vicende dell’Italian Poker Open probabilmente penserà che 226 ingressi per un day 1 sono pochini, ma tutto va rapportato correttamente. La verità è che si trattava solo del primo di ben 10 (dieci) day 1, che si concluderanno solamente il 7 maggio prossimo con il day 1F alle 12 e il day 1G “speed” alle 18. L’organizzazione del torneo, che in questa occasione è una co-produzione fra EuroRounders e i francesi di TexaPoker, ha strutturato l’evento in maniera da permettere alle migliaia di appassionati (oltre 2000 sono solo le prenotazioni) di partecipare a un torneo che regala sempre emozioni forti e montepremi mozzafiato, come questo da 1 milione di euro garantito.

Ricordiamo che per partecipare all’IPO non sarà richiesto alcun green pass, in ossequio alle mutate norme decise dal Governo italiano a partire proprio dal 1 maggio. Per precauzione, tuttavia, è obbligatorio indossare la mascherina al tavolo.

Matti in testa per il day 1A

Come anticipato sono state 226 le iscrizioni registrate al day 1A. Trentasette sono invece i nomi dei qualificati, tra cui spicca il nome di Alessandro Matti, in testa piuttosto nettamente a quota 700.500. Lo seguono nel chipcount due regular dell’evento e in generale dei circuiti live, come Gianluca Cammarata (2° a 635k) e Nicola D’Anselmo (3° a 572,5k). L’unico altro nome noto fra i qualificati è quello di Cristian Viali, 15° a 230k.

Curiosità: sono 3 le donne qualificate dal day 1, di cui ben 2 nella top 15. Sono le francesi Elena Chiper (5ª a 444k) e Valerie Lelouche (25ª a 170k) e l’ucraina Lyudmilla Rudova (14ª a 232k).

La vicinanza “strategica” con Montecarlo

Da oggi a mezzogiorno riprendono le danze con il day 1B,ì. Naturalmente c’è da aspettarsi una crescita progressiva dei numeri degli iscritti, anche per la concomitanza con l’EPT Montecarlo. In genere due festival programmati nelle stesse date rischiano di darsi fastidio, o che uno fagociti l’altro. Non è questo il caso, poiché l’EPT attira generalmente giocatori con spending medio molto alto, insieme ai regular abituati a livelli più “umani”. Ma soprattutto è la vicinanza fra Sanremo e Montecarlo ad aver sempre costituito una sorta di incentivo reciproco. Alla fine tra le due località ci sono soltanto una quarantina di km di strada, dunque è prevedibile che il milione garantito a montepremi – a fronte di un buy-in di appena 550€ – attiri diversi giocatori che si trovano attualmente nel Principato.

Author: blogadmin

Leave a Reply

Your email address will not be published.